Battezzati nello Spirito Santo

La gioia del mistero pasquale continua in queste settimane e specialmente nelle domeniche, dove tutti siamo invitati a ripercorrere l’entusiasmante esperienza degli Apostoli e dei discepoli di Gesù dopo la sua risurrezione.
Il libro degli Atti degli Apostoli è chiamato il Vangelo dello Spirito Santo, perché ne rivela la continua presenza nell’opera degli Apostoli e dei membri delle prime Comunità cristiane.
Lo Spirito Santo è il grande dono che Cristo ci ha lasciato con la sua morte e risurrezione e che diventa l’anima pulsante di ogni azione compiuta dai cristiani.
Questo ci vuole comunicare la Parola di Dio della terza domenica di Pasqua, ricordandoci che nel battesimo siamo stati lavati in acqua e santificati in Spirito Santo, il quale fa di noi uomini e donne capaci di agire da figli di Dio.
Il battesimo, dunque, ci trasforma da esseri carnali ad esseri spirituali, animati da quello stesso Spirito che ha fatto degli Apostoli uomini coraggiosi e testimoni autentici del Vangelo di Gesù, nello stile del suo amore.
A noi è chiesta la docilità all’azione dello Spirito Santo, superando quelli che sono solo i criteri umani di giudizio e di discernimento nelle varie situazioni, per entrare invece nella logica dell’amore e del pensiero di Dio.
Il Vangelo di questa domenica presenta Giovanni Battista mentre indica Gesù ai suoi discepoli dicendo: “Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo”. Lo aveva riconosciuto proprio quando lo Spirito era sceso su di Lui in forma di colomba al Giordano.
In Gesù c’è in pienezza la presenza dello Spirito Santo e tutta la sua missione è stata segnata da esso, fino alla Pasqua, quando lo Spirito è diventato dono per tutti coloro che avrebbero creduto in Lui.
La prossima domenica un nutrito gruppo di bambini della nostra Parrocchia ricevono la Prima Comunione, accogliendo Gesù nella loro vita e così si uniscono a Lui attraverso il sacramento, che porta con sé una grazia santificante.
Il cammino di fede di questi nostri bambini e bambine è una ricchezza spirituale per la nostra Comunità Parrocchiale, ma diventa anche una responsabilità per ciascuno di noi, perché essi ci guardano aspettandosi di vedere una testimonianza cristiana adulta.
Chiediamo a Maria, in questo mese di maggio che inizia, di pregare con noi lo Spirito Santo, come già aveva fatto nel Cenacolo, con gli apostoli.

don Sergio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...