Chiesa testimone di misericordia

La settimana che si apre ci porta a vivere alcuni momenti significativi:
– l’amministrazione della Cresima ai nostri ragazzi;
– l’inizio del mese di ottobre, mese missionario e dedicato al S. Rosario;
– la festa dell’oratorio;
– la visita Pastorale decanale del nostro Arcivescovo;
– le sante Quarantore.

Il Vangelo di questa domenica, provvidenzialmente, ci aiuta a prepararci a vivere questi eventi che ci coinvolgono come Parrocchia e come decanato.
Gesù, dopo avere moltiplicato i pani e averli distribuiti alla folla, spiega il suo gesto in un discorso fatto nella Sinagoga di Cafarnao, dove afferma di essere il Pane della vita, con il quale Egli rimane in noi e noi in Lui. Gesù è il pane per la vita del mondo, un pane che chiede di essere spezzato e condiviso nello stile della misericordia. 
Il sacramento della Cresima, che i nostri ragazzi riceveranno sabato 1 ottobre, è l’occasione data loro per accogliere il dono dello Spirito Santo, forza che li spingerà a riprodurre nella vita quotidiana il dono d’amore ricevuto nell’Eucaristia. Abbiamo tutti un obbligo a pregare per loro, a sostenerli con la nostra stima e con la nostra testimonianza.
L’ottobre missionario, quest’anno, ha come tema: “Chiesa testimone di misericordia”. Per i cristiani il segno distintivo di appartenenza è l’invito a mensa: un pane che fa memoria della vita donata sulla croce, un pane che si porta all’altare per condividerlo tra fratelli, un pane che si porta con sé per nutrire coloro che ne sono privi, un pane che combatte la fame. Fame del corpo e fame di pienezza di umanità, di relazioni fraterne, di amore tra uomo e donna, di sapere e di cultura, di lavoro e dignità, di salute, di gioia di vivere. 
Il pane portato all’altare è “frutto del lavoro” e della fatica; il pane che si spezza è da condividere: il corpo del Signore viene distribuito nella celebrazione e nella vita. Proviamo a vivere questo ottobre missionario riconoscendo nel gesto dell’Eucaristia il fondamento della missione dando a un evento troppo spesso liquidato come rituale, uno spessore di solidarietà e di apertura universale nella relazione tra Chiese che spezzano il pane per i loro popoli e per il mondo intero. 
Papa Francesco inizia il suo messaggio per questo mese con le seguenti parole: “il Giubileo Straordinario della Misericordia, che la Chiesa sta vivendo, offre una luce particolare anche alla Giornata Missionaria Mondiale del 2016: ci invita a guardare alla missione ad gentes come una grande, immensa opera di misericordia sia spirituale che materiale. In effetti, in questa Giornata Missionaria Mondiale, siamo tutti invitati ad “uscire”, come discepoli missionari, ciascuno mettendo a servizio i propri talenti, la propria creatività, la propria saggezza ed esperienza nel portare il messaggio della tenerezza e della compassione di Dio all’intera famiglia umana. In forza del mandato missionario, la Chiesa si prende cura di quanti non conoscono il Vangelo, perché desidera che tutti siano salvi e giungano a fare esperienza dell’amore del Signore. Essa «ha la missione di annunciare la misericordia di Dio, cuore pulsante del Vangelo» (Bolla Misericordiae Vultus 12) e di proclamarla in ogni angolo della terra, fino a raggiungere ogni donna, uomo, anziano, giovane e bambino”.
La festa dell’oratorio darà inizio ufficialmente a tutte le attività educative nei confronti dei ragazzi, adolescenti e giovani, che chiedono a noi adulti di essere attenti alla loro crescita umana, culturale e spirituale. 
La visita pastorale decanale del nostro Arcivescovo si inserisce benissimo in questo mese, perché ci stimolerà a rileggere l’azione pastorale delle nostre Parrocchie e del decanato alla luce del Vangelo, per essere nel mondo portatori del pensiero di Cristo. 
Infine, le sante Quarantore, nell’ultima settimana di ottobre, ci offriranno lo spunto per riconoscere che la nostra vita, senza Gesù, è da ritenersi vuota e priva di significato, mentre con Lui porta ad uscire verso i fratelli e le sorelle di tutto il mondo. 
La Vergine Maria, che preghiamo nel santo Rosario, interceda per noi.

don Sergio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...